Tre albi sugli elefanti

Quando le persone frequentano la biblioteca da un po’ e iniziano ad avere maggiore sicurezza aggirandosi tra libri e scaffali (la paura della soglia è lapalissiano, in grandi e piccoli), i più giovani sviluppano veri e propri amori. Da lì la solita domanda: – Hai altri libri come quello che ho già letto?

Quella domanda mi rallegra per due motivi: il primo perché davanti a me c’è un vero lettore attento (anche se alto poco più di un metro) e che non posso deludere e il secondo è che mi piace fare le cacce al tesoro in biblioteca e tirare fuori libri che potrebbero soddisfare il palato del giovane lettore (che di solito non legge, perché lo fanno per lui).

Ebbene sì, i più piccoli sono i più curiosi e coraggiosi: non si spaventano della mole di libri e si avventurano, qualche volta da soli (soprattutto all’inizio), in compagnia dei genitori (qualche volta lo auspicherei :)) e, quando si è instaurata la fiducia, seguendo i miei consigli.

Oggi propongo tre albi sugli elefanti. L’elefante è solo l’occasione per permettere al protagonista della storia di parlare di altro. La mole notevole di quest’animale, che i bambini non vedono tutti i giorni, conquista ancora.

L’elefante non dimentica! di Anushka Ravishankar e Christiane Pieper edito da Corraini (2007)L'elefante non dimenticaIl protagonista, un elefantino, si perde nella giungla, durante un temporale. Un branco di bufali passa di lì e lo accoglie. L’elefantino cresce con loro e fa per loro ciò che hanno sempre sognato: scuotere le piante per far cadere le foglie quando c’è siccità, aprirsi la strada nella foresta, spruzzare l’acqua del fiume con la proboscide per fare la doccia. Un giorno i bufali incontrano un branco di elefanti. Da che parte starà l’elefante? Tornerà tra i suoi simili o resterà con gli amici bufali?

Si tratta di una favola toccante proveninete dall’India con illustrazioni esotiche e ricche di fascino.
L’elefante non dimentica è stampato in India per mantenerne carta, profumi, tecnica e qualità tipografica.

Elmer e lo straniero* di David McKee, edito da Mondadori nel 2003Elmer e lo stranieroElmer, l’elefante variopinto*, passeggiando nella foresta incontra Tigre e Leone, i quali sono stupiti per la presenza da giorni di uno straniero nella foresta. Si tratta di un Canguro che è afflitto perché convinto di non saper saltare. Elmer capisce che Canguro ha solo bisogno di essere incoraggiato e, con l’aiuto degli amici, mette in pratica uno stratagemma per dimostrare a Canguro che quelli che lui chiama «rimbalzi» in effetti sono dei veri salti. La cura funziona e Canguro vince il primo premio nella gara di salti tra tutti i canguri della foresta.

Elmer è uscito per la prima volta in Italia con Mondadori nel 1990 ed è subito diventato uno dei simboli per parlare di diversità: in mondo di elefanti grigi, Elmer è di tutti i colori. Negli anni Elmer è diventato un seriale. Attraverso le sue avventure McKee ha affrontato molti temi cari ai bambini, senza mai trascurare il più importante – quello del sentirsi/essere diversi.

Le puzze dell’elefante* di Pittau e Gervais edito da Il castoro edito nel 2001Le puzze dell'elefanteIn città vive un elefante, molto simpatico, ma che fa puzze di continuo: per strada, a tavola, in piscina, a letto. Bleah! Che odore! E che rumore!
Gli abitanti, la mucca, la scimmietta, il maiale e la tartaruga, sfiniti, lo portano nella foresta dove il piccolo elefante darà del filo da torcere perfino al leone. Ben presto però, gli amici ne sentono la mancanza e tornano a cercarlo. Il lieto fine non può mancare: tutta quell’aria non poteva andare sprecata e allora perché non gonfiarci dei palloncini?

Agli inizi del 2000 gli autori hanno spopolato con una serie di albi divertentissimi sulle puzze, sulla cacca e sulle caccole. I bambini tutt’ora ridono di gusto ogni volta che li scoprono, in barba alla buona educazione che li vorrebbe temi solo da sussurrare in privato.

L'elefante non dimentica! Book Cover L'elefante non dimentica!
Anushka Ravishankar
Albi illustrati
Corraini
2013
40