LAVA: Vorrei un tempo lento lento

Qualche volta – per non dire spesso – la solita mamma si sente controcorrente. A volte le gira male, altre volte decisamente meglio. Su una cosa, ancora, non ha rinunciato ed è quella di non correre troppo dietro al tempo.

Il tempo si dilata e si restringe a seconda della propria disposizione mentale. La solita Simonetta ha sempre cercato di essere più veloce rispetto a cosa, Dio solo lo sa.., bruciando tappe e trovandosi alla sua età convinta di avere corso troppo, perdendosi per strada il sapore di quanto stava vivendo. La botta in testa che le ha permesso di mettere a fuoco queste riflessioni non è di oggi, ma risale a quando è nato il suo primo figlio. Per lui avrebbe voluto un tempo lento. Avrebbe voluto rallentare il proprio di tempo, anche – forse – per egoismo, e quello del suo bambino. Più volte nel corso degli anni la solita lettrice ha proposto albi per bambini relativi al tempo (un paio di esempi li trovate qui e qui). Esiste un movimento che si chiama slow food, dal quale la solita Simonetta si è appropriata dell’idea di lentezza coniando il tag slow life, più come meta da raggiungere che come stile di vita quotidiano concreto. Le solite giornate sono quasi sempre una maratona contro il tempo…

Ieri la solita Simonetta dopo cena (in realtà la cena non era ancora finita, ma per convincere i bambini a restare tutti seduti a tavola fino alla fine, si è giovata del solito jolly) ha letto Vorrei un tempo lento lento*, un albo in rima di Luigina Del Gobbo e illustrato dalla bravissima Sophie Fatus, edito da Lapis (2014).

Vorrei un tempo lento
fin dal primo mattino,
uscire dal mio letto:
caldo guscio, io pulcino.

Il letto è una coperta gigantesca gialla, che ricorda la forma della culla.

Ci sono tanti tipi di tempo: il tempo attorno, il tempo lungo, il tempo allegro, il tempo del bambino, il tempo zitto, il tempo utile (per liberar le mani / e costruire mondi / che sembrano lontani), il tempo vuoto, il tempo antico (da passare con il nonno), il tempo tondo, il tempo libero (libero veramente, / adatto per sognare / o per quel che passa in mente), il tempo magico, il tempo morbido, il tempo vuoto (ancora da inventare, / riempirlo a poco poco / e poi lasciarlo andare) e il tempo dolce.

Vorrei un tempo lento
a forma di bambino
che vuole far da solo
avendoti vicino.

[…]

Vorrei un tempo lento
per essere bambino
tornare dentro al guscio
e fingermi pulcino.

Alla solita Simonetta piace il tratto delicato e fresco delle illustrazioni di Sophie Fatus che accompagnano quest’albo poetico e avvolgente come la coperta con i soli gialli stampati con cui si apre.

Tra qualche giorno sarà Pasqua e la solita donna vorrebbe mettere dentro l’uovo come sorpresa un pizzico di ciascuno dei tempi raccontati con delicatezza da Luigina Del Gobbo per i suoi bambini e virtualmente per tutti voi :).

Buona Pasqua a tutti.

p.s. Questo albo è finalista Premio Andersen 2015 nella categoria Miglior libro 0-6 anni

*Altri libri editi da Lapis adatti per LAVA-re in vacanza.

*Link affiliato Amazon

Vorrei un tempo lento lento Book Cover Vorrei un tempo lento lento
Luigina Del Gobbo, Sophie Fatus,
Albi illustrati
Lapis
2014
34