I soliti giorni “sì”

Ci sono giorni in cui ti senti una rivoluzionaria. Ecco, poi ti rendi conto di avere sbattuto l’aria, ma va bene lo stesso.

– Zero per uno.

Ci sono giorni in cui ti succede di tutto. Lo fai con entusiasmo, con passione, con energia e ti chiedi: – Sei sicura di farcela?

– Quattro per tre.

Ci sono giorni in cui chiedi le tabelline a tua figlia come tua nonna diceva il rosario e lo fai perché sai che non puoi farne a meno e allora cerchi di metterci una nuova intonazione e l’altra figlia ti fa morir dal ridere incasinado la sorella sparando numeri a cavolo.

– Due per cinque.

Ci sono giorni in cui ti senti una donna soddisfatta e poi senti tuo figlio in spiaggia  che desidera fare lo scienziato più giovane del mondo e quindi si porta dietro un pezzo di legno che secondo lui dovrà essere sezionato al microcopio perché in verità è l’anca di un dinosauro, ma ancora nessuno se n’era accorto.

– Tre per nove.

Ci sono giorni in cui ti metti a leggere Bestie* di Fabian Negrin (Gallucci) e a cantare Yellow submarine come se fossi in biblioteca e i tuoi figli, in pigiama e seduti composti sul divano, ti chiedono il bis e tu non hai più voce ma glielo rifai perché ti diverti come loro. Poi stranito tuo marito ti dice: – Ca$$o, sei brava!

– Tre per nove.

– Me l’hai già chiesta.

– E io te la richiedo, e allora?

Ci sono giorni in cui be’ e allora :)?

p.s. Nell’albo di Fabian Negrin – stupendo! – due fratelli sono in macchina e non ne possono più del viaggio. Si fermano per fare pipì, ma dietro al cespuglio c’è un ruscello perfetto per far andare la loro barchetta. Come nella migliore tradizione affabulatoria, si perdono. Il fratellino ,per rincuorare la sorella, le canta la canzone dei Beatles.

*Link affiliato Amazon

Bestie Book Cover Bestie
Fabian Negrin
Albi illustrati
Gallucci
2012
36