Noi siamo infinito di Stephen Chbosky (Sperling & Kupfer)

La solita bibliotecaria continua la sua ricerca di luci e ombre per la bibliografia dedicata all’Anno Internazionale della Luce 2015.
No, non è una bibliografia sponsorizzata, ahah. E’ un’occasione – come spesso le accade – per leggere nuove storie partendo da insoliti punti di vista. E’ merito di un gruppetto di accanite lettrici con le quali scambia opinioni su romanzi rivolti a un pubblico di giovani adulti se Noi siamo infinito* di Stephen Chbosky edito da Sperling & Kupfer ha solleticato i neuroni della solita Simo. E’ uno scambio abbastanza equo e piuttosto sintetico per evitare di guastarsi reciprocamente la trama: si va dal bellissimo al così-così al bleah. Il romanzo di Chbosky rientra nel gruppo dei bellissimi. La solita Simo temeva che non lo fosse, bellissimo, per via della copertina sulla quale occhieggiava Emma Watson, attrice interprete di Hermione Granger e co-protagonista nel film tratto dal romanzo, e che poteva fare da cartina di tornasole.

Invece no.

Non solo il libro si presta perfettamente all’idea di luci e ombre che la solita bibliotecaria aveva in mente per la sua bibliografia, ma si legge tutto d’un fiato perché si ha bisogno di capire cosa sta succedendo al protagonista. Charlie è alle prese con il primo anno di liceo e con quel senso di estraneità che l’adolescenza e la nuova scuola comportano. Tema dominante è l’amore, declinato nelle sue molteplici sfaccettature: per lo studio (Noi siamo infinito si presta ad essere anche un buon meta-libro, visto che contiene una serie di rimandi a grandi classici della letteratura), per le ragazze, per gli amici e per la famiglia. Eppure c’è qualcosa che non va in Charlie: attraverso le sue lettere, espediente piuttosto comune in verità, il protagonista si analizza fino al gran finale.

[…] Immagino che siano tanti i fattori che ci fanno essere come siamo. Molti, forse, non li conosceremo mai. Ma, anche se non possiamo essere noi a decidere da dove veniamo, possiamo scegliere la nostra meta. Ci sono altre cose che possiamo fare. Cercando di sentirci a posto.
Penso che, se avrò bambini, e mi capiterà di vederli agitati, non dirò loro che in Cina la gente muore di fame, o roba del genere, perché ciò non servirebbe a calmarli. E anche se ci sono persone che stanno peggio di te, ciò non toglie che tu abbia la tua vita.. Bella o brutta che sia.

(Citazione da Noi siamo infinito* di Stephen Chbosky, traduzione di Chiara Brovelli, Sperling & Kupfer 2014).

Ultimo appunto, il solito: come spesso accade alla solita lettrice, un buon libro le risparmia i soldi del biglietto del cinema (ha provato a vedere il trailer su youtube, e secondo lei, non rende giustizia all’omologo in versione scritta).

Felice Weekend del libro e buon weekend :).

*Link affiliato Amazon

Noi siamo infinito. Ragazzo da parete Book Cover Noi siamo infinito. Ragazzo da parete
Stephen Chbosky
Zona Ya
2014
271

2 Comments Noi siamo infinito di Stephen Chbosky (Sperling & Kupfer)

  1. Avatar'povma

    In realtà la sceneggiatura del film, che ha lo stesso sceneggiatore e regista dell’autore del romanzo, viene prima del romanzo stesso. Chbosky, come è noto, ha scritto il romanzo in maniera funzionale, per farne un caso e riuscire così ad avere i fondi per il film che non era riuscito a ottenere in autonomia. Si tratta, insomma, di una semi-novellizzazione. Il film – come sempre testo altro, solo con altro codice, che come tale andrebbe, sempre, giudicato – questa volt anche e a maggior ragione non solo non delude, ma è un testo davvero originale sia nel girato, sia nell’uso, assolutamente peculiare, sia del paesaggio sonoro sia della musica, sia nell’uso della voice over ( che si inserisce appunto nel peculiare lavoro sull’audio del regista). Inoltre anche l’uso del montaggio incrociato, con soggettive ai limiti del ‘falso’, lo rendono un testo assolutamente complementare al romanzo, un’esperienza multicodice e multicanale nel quale un testo arricchisce l’altro e viceversa.

    1. AvatarSimonetta B.

      Direi che a questo punto non posso non vedere anche il film :).
      Grazie e buon weekend.

Comments are closed.