Il solito tempo che passa

Sembra ieri che mia sorella chiamava per dirmi che era tutto finito. Hai lottato fino all’ultimo, e noi con te, ma non è bastato.

La tua vita è stata spesa per la tua famiglia e fino all’ultimo ti sei preoccupata per il papà, perché lui veniva sempre prima. Prima di te, comunque.

Anticipavi tutto, ma non sei riuscita a prevedere che lo avresti lasciato solo. Lui però non poteva resistere senza di te e per il vostro anniversario di matrimonio ti ha raggiunta. Ti ha lasciato il tempo di prendere confidenza con i nuovi spazi, prima di accoglierlo, con tutto già pronto. Perché a te piaceva così. E a lui pure.

Sono passati tre anni, eppure nelle telefonate chilometriche giornaliere con mia sorella, ci sei sempre. Perché lo sappiamo cosa ci diresti in certe occasioni e, se allora avremmo sbuffato, oggi ce ne ricordiamo sorridendo consapevoli che dietro la tua forza si nascondeva un amore che ci accompagna sempre.

Simo.

2 Comments Il solito tempo che passa

Comments are closed.