Il solito ospedale pediatrico

La solita famiglia è andata in trasferta. Ufficilamente per visitare il capoluogo di regione, ufficiosamente per portare Pallino, il primogenito di 8 anni, a fare degli accertamenti all’ospedale pediatrico.
– Ma cosa mi fai? – Pallino.
– Controllo con questo computer che tutto funzioni per bene – infermiera bionda, carina e dall’accento caldo.
– Mi fai vedere?
– Certo, guarda. Qui c’è il tuo nome, vedi?
– E cosa mi fai?
– Ti spogli e ti appiccico questi cerotti. Con quelli misuriamo che tutto vada bene.
– Ma io non voglio spogliarmi – Pallino ha scoperto il senso del pudore per la prima volta.
– Ti aiuta la mamma, se preferisci. Vedrai che faremo velocissimi – l’infermiera bella.
– Ma non mi fai male, vero?
– No, ti prometto che non sentirai nessun dolore.
– Sei sicura?
– Sono sicura. Adesso ti dico cosa fare, va bene?
– Ok.

– Fatto.
– Hai già fatto?
– Sì, adesso puoi rivestirti. Intanto parlo con la tua mamma – l’infermiera bella.
– Sei stata proprio brava, sai. Adesso mi fai vedere di nuovo il computer, vero? – Pallino.
– Suo figlio è dolcissimo.

Trovare una persona solare, preparata ad affrontare un giovane paziente spaventato, ma orgoglioso (- Dai mamma che dopo andiamo a vedere tutta la città) e la sua mamma rincuora e rassicura. E’ bello vedere con i propri occhi cos’è la sanità pubblica. Da qualche giorno a Pallandia Home ha assunto le sembianze e la cadenza di un’infermiera bella.

– Mamma, vieni a vedere da questa finestra. Guarda com’è bello questo mare. Fai una foto, dai. Così ce la ricordiamo. Ciao infermiera bella.
– Grazie infermiera bella – e la solita mamma avrebbe voluto abbracciarla.

10 Comments Il solito ospedale pediatrico

  1. Avatarmammapiky

    Bello leggere storie di buona sanità, ci sorprendono sempre mentre invece dovrebbe essere la normalità….a parte ciò, immagino l’orgoglio del piccolo ed anche quel pizzico di normale ansia delle mamme.

    1. AvatarLa solita mamma

      Il mio non era un pizzico… Intanto un altro esame è stato fatto e ora aspettiamo l’esito e poi ci sarà la vera e propria visita. Incrociamo le dita.
      Un abbraccio 🙂

    1. AvatarLa solita mamma

      E’ stata una persona davvero speciale. Anche quando ci avevo parlato per telefono e quando mi ha dato una serie di indicazioni utilissime per l’immediato futuro. Comunque la foto ora ce l’abbiamo 🙂
      Baci

  2. Avatarlaprossimavoltamamma

    Si, rincuora davvero! In fondo cosa vogliamo noi genitori (e i nostri bimbi): un po’ di gentilezza e un po’ meno di freddo e ospedaliero distacco. In bocca al lupo!

  3. Avatarfranci

    Meno male che esistono anche le infermiere belle …. perchè troppo spesso dottori e infermiere son di corsa e non ti guardano nemmeno negli occhi e finchè devono visitare te passi ma quando a far la visita son i bambini un po’ spiace …

    1. AvatarLa solita mamma

      Mio figlio è travolgente quando è nervoso ed emozionato e se non trova qualcuno che abbia un po’ di pazienza sono guai.
      Ci è andata davvero benone 🙂
      Un abbraccio 🙂

  4. Avatarmela 2.1

    A Pallino è andata proprio bene! Io ancora ho gli incubi di quando mi operai alle adenoidi! Orrore!
    W le infermiere belle! 😉

Comments are closed.