LAVA: Issun Boshi, il bambino che non era più alto di un pollice (Orecchio acerbo)

Pallottolina, la terzogenita quasi-cinquenne, vuole essere grande. Purtroppo nella solita famiglia l’anagrafica non depone a suo favore.

Quando la solita bibliotecaria ha portato a casa Issun Boshi – il bambino che non era alto più di un pollice* di Icinori, edito da Orecchio Acerbo, aveva in mente proprio lei e il suo nuovo carattere ostinato. Issun Boshi è una fiaba tradizionale giapponese: il protagonista Issun è il figlio di due contadini che dopo tanto sperare riescono ad avere un bambino di dimensioni ridotte, mai più alto di un pollice.

Con una ciotola di riso e un ago, dono dei genitori, Issun decide di andare alla scoperta del mondo. Non mancano un orco cattivo e la bella figlia del Signore della città. Come nella migliore tradizione, l’esperienza, la paura, la voglia di crescere porteranno Issun ad affrontare l’orco cattivo e a trasformarsi, assumendo le sembianze di un giovane uomo, e a cacciare definitivamente il cattivo. Il ritmo delle fiabe è sempre simile. Il percorso dell’eroe che evolve, che cambia, che supera le sue paure e le sue debolezze si ripete.

E’ per questo che è importante leggere le fiabe tradizionali ai bambini, perché possano immedesimarsi con i protagonisti e superare insieme virtualmente i loro timori calandosi nella storia. Se alla tradizione si aggiunge il pregio di illustrazioni particolari come quelle scelte da Orecchio Acerbo, che della grafica e dell’immagine è editore indiscusso nel panorama italiano (e non solo per bambini), be’ – che dire? – avete fatto il miglior dono auspicabile per un bambino.

Felice Venerdì del libro e buona giornata a tutti.

*Link affiliato Amazon

Issun Boshi. Il bambino che non era più alto di un pollice Book Cover Issun Boshi. Il bambino che non era più alto di un pollice
Icinori
Albi illustrati
Orecchio Acerbo
32

6 Comments LAVA: Issun Boshi, il bambino che non era più alto di un pollice (Orecchio acerbo)

  1. Avatarmaris

    Concordo sull’importanza delle fiabe tradizionali, di qualunque Paese siano.
    Questa qui non la conoscevo, mi piacciono molto anche le illustrazioni.
    Buon fine settimana!

    1. AvatarLa solita Simonetta

      D’estate – ogni anni – torno ai classici per i bambini come per me lettrice matura.
      Credo che sia una mia insolita abitudine :)! Ahahah
      E’ un albo fantastico, hai ragione.
      Buon fine settimana anche a te 🙂

  2. AvatarStefania

    Davvero bello! Illusatrazioni molto efficaci, tra l’altro… anche noi abbiamo un problemino con l’altezza qui in casa… l’ometto di casa dice sempre di essere troppo piccolo e, a dire il vero, racconta anche che i bambini a scuola lo prendono in giro per questo. Me lo ha detto a scuola finita e non ho avuto modo di parlarne con la maestra ma sarà la prima cosa che le dirò al rientro.

    1. AvatarLa solita Simonetta

      Ho scoperto anch’io quest’anno con la mia secondogenita quanto riescono a fare del male i bambini a scuola. E’ stata una vera sorpresa, visto che alla materna e in classe del più grande non ci sono stati mai problemi.
      Un abbraccio a te e al tuo ometto grande 🙂

Comments are closed.