LAVA: Oh no, George!

Ultima divertente scoperta a Pallandia’s Home è Oh no, George!* di Chris Haughton edito da Lapis.
La solita famiglia aveva provato a leggere dello stesso autore Oh-Oh!, ma nonostante le illustrazioni accattivanti, non era piaciuto in modo particolare ai bambini. Ricorda alla lontana una passione mai sopita per Dov’è la mamma?* di Julia Donaldson e Axel Scheffler. Praticare il metodo LAVA con costanza affina la capacità di scelta dei libri da leggere sia del reader adulto che dei piccoli lettori, perché certi gusti letterari possono essere indotti (con tutti i migliori propositi eh!), ma alla fine sono i vostri figli a decidere cosa piace loro o meno. In fondo, questo vale anche per noi grandi :)?
La solita mamma non insiste quindi a leggere una storia se vede che i bambini non ne sono coinvolti, se non scatta quel click che li fa pendere dalle sue labbra.
Con l’albo di oggi non c’è stato bisogno di convincerli. La solita Simonetta ha cominciato a leggerlo a voce alta, a ridere da sola e in un minuto i tre bambini si contendevano la prima fila per seguire la trama.
Oh no, George! ricorda molto le illustrazioni di Oh-Oh!, ma presenta un’ironia che secondo la solita Simonetta manca nel precedente albo.
Si tratta della storia di un cane, George, e del suo padrone, Harry. Quest’ultimo esce di casa chiedendo a George di fare il bravo.
George ce la mette tutta a fare il bravo, ma poi cede ai suoi istinti e nell’ordine si mangia una torta, fa i dispetti al gatto e scava una buca in giardino. Al rientro del padrone però George gli chiede scusa e per sdebitarsi gli regala il suo pupazzo preferito.
La storia non finisce qui. Infatti Harry, il padrone – che non è chiaro se sia un bambino o meno, ma non ha molta importanza – chiede a George di accompagnarlo a fare una passeggiata. E questa volta George si comporta davvero bene. Almeno fino ad un certo punto.
L’immedesimazione da parte del bambino è fortissima. Chi di voi quando esce non si raccomanda con i propri figli di fare i bravi ;)?
La solita mamma lo fa e i risultati sono spesso molto simili a quelli di George. Ok, i soliti figli non scavano buche in giardino (anche perché Pallandia’s Home non dispone di un giardino), ma spesso la capacità di devastazione supera abbondantemente un buco tra i tulipani :).

Felice Venerdì del libro e buon weekend a tutti.

*Link affiliati Amazon

Oh no, George! Book Cover Oh no, George!
Chris Haughton
Albi illustrati
Lapis
2013
32

6 Comments LAVA: Oh no, George!

  1. Avatarmammozza

    Già all’inizio della trama ho avuto la sensazione di già vissuto. Penso alla mia canaglietta, ai suoi piccoli disastri e alla mortificazione nei suoi occhi quando lo sgrido.
    Forse la grafica è un pò “da piccoli” ma ho idea che anche da noi potrebbe piacere.

  2. AvatarStefania

    Di George avevamo già letto in qualche altro post ma non l’abbiamo ancora mai avuto tra le mani… dovrò rimediare al più presto.

Comments are closed.