Il solito insieme fa la forza

La solita mamma sta facendo la prima elementare con la secondogenita. Di nuovo.
Ad un anno di distanza dal primogenito.
Che ve lo dico a fare: le solite vocali e i soliti insiemi. Reduce delle prime riunioni a scuola, le insegnanti hanno sollecitato i genitori a far raccontare ai bambini la loro giornata e di riprendere, anche in assenza di compiti, il lavoro fatto in classe.
Quest’anno inoltre la solita mamma, libera dall’ansia da prestazione che incombeva l’anno scorso, si sta dando alla pazza gioia cercando libri che possano aiutare i bambini a rafforzare alcuni concetti che stanno imparando in classe.
Nei suoi soliti pendolarismi in biblioteca ha scoperto L’insieme fa la forza* di Anna Cerasoli, illustrato da Allegra Agliardi, edito dall’Editoriale Scienza.
E’ la storia di una numerosa famiglia di topolini che riesce tutta insieme (e sono decisamente molti) a convincere un cane e il suo padrone a diventare loro amici.
Non lasciatevi traviare dalla semplificazione dalla trama, ridotta chirurgicamente dalla solita Simonetta. Il racconto è molto più lungo, articolato e denso di concetti quali la diversità, la paura dell’Altro, l’idea di famiglia, ecc.
La cosa bella è l’apparato (che già la parola apparato fa venire l’orticaria alla solita allergica :D!), che permette di giocare e di applicare le regole base dell’insiemistica.
A quel punto la solita lettrice ha scovato l’intera collana dell’Editoriale Scienza interamante dedicata alla fascia del biennio della scuola primaria: insomma fa al caso della solita invaghita del tema dell’homeschooling minimalista.

Il solito Venerdì del libro

*Link affiliato Amazon

12 Comments Il solito insieme fa la forza

  1. Avatar

    Prendo nota, da me un post quasi complementare allora: prime lettue e metodi per appassionare i bimbi 🙂

  2. Avatarkemate

    Sono una gran appassionata dell’editoriale Scienza questo però mi manca proprio, solo che non ho bambini in età da biennio, mi toccherà aspettare un po’.

    1. AvatarLa solita mamma

      Non ti “toccherà”: goditi questo momento 😉
      E comunque la storia è bella anche a prescindere dai giochi finali, che comunque possono appassionare anche i più piccolini.
      Buon we 🙂

  3. Avatarproferina

    carino, mi piace, poi io adoro la matematica, è solo che far fare degli extra a topo grande sarebbe davvero una tortura, a noi oltre al libro, al libro degli esercizi, alle schede che attaccano via via sul quaderno, hanno fatto acquistare un ulteriore libro per gli esercizi….e nel w.e. abbiamo una bella poesia da imparare, così fatto quello lo lascio proprio perdere; però semmai il prossimo anno con topino becco delle insegnanti più umane lo prendo in considerazione, grazie
    p.s. sai anchio ultimamente parlo di libri per le prime letture per aiutarlo in questa fase un pò noiosa

    1. AvatarLa solita mamma

      In realtà il libro di Anna Cerasoli non va considerato un extra. Non è un extra. E’ proprio per questo che lo sto proponendo ai bambini, preferibilmente nelle giornate in cui hanno meno compiti. E’ una storia a cui sono associati dei giochi (che in fondo è quello che dovrebbe essere “imparare”: un bel gioco per le meningi :D!). Alle maestre dei miei figli dico che la cosa che vorrei che i miei figli imparassero più di tutto è la curiosità di “imparare”, che è bello scoprire cose nuove, con entusiasmo. Finora non posso dire niente e i bambini sono eccitatissimi quando mi raccontano le loro giornate. L’unica difficoltà (e il bello nella maggior parete delle volte) per me è che i miei bambini sono di età molto ravvicinata e scatta automaticamente la competizione per avere la mia attenzione. Ma per ora direi che va tutto bene.
      In bocca al lupo con la vostra poesia da imparare a memoria nel we.
      Un abbraccio e felice di leggerti :)!

  4. Avatarmaris

    Bello! Messaggi importanti in questo libro, allora.
    Anche qui prima elementare, con la monella. Non è una passeggiata, lo sapevo e lo sto sperimentando, ma si va avanti, con qualche piccola soddisfazione e con buona volontà (mia, sì, ma soprattutto sua, che ce la sta mettendo tutta!)
    Buon weekend!

Comments are closed.