Yoga e emozioni positive dei bambini

Come la solita mamma vi raccontava a inizio settimana, Pallina, la secondogenita, sta vivendo un momento di stress legato all’inizio della scuola primaria. Pallina è sempre stata una bambina precoce dimostrando grande autonomia in tutto (non a caso ha cominciato le elementari in anticipo: la solita ipercritica sa cosa state per dirle. Non a caso sta leggendo Genitori senza sensi di colpa). E’ la figlia con la quale la solita donna si scontra di più e questo è un bene per entrambe.
Da parte di Pallina perché non tiene dentro nulla. Nei suoi momenti critici vomita letteralmente addosso alla solita Simonetta tutto quello che pensa ed è un bel modo per scaricarsi.
Da parte della solita mamma perché Pallina è il suo specchio e le rimanda un’immagine di sé che non sempre le fa piacere ma con cui deve fare i conti.
Il solito marito dice che è la fotocopia della solita Simo, anche nella gestualità (e lei, la solita, lo prende per un complimento).
Le reazioni della secondogenita, quando sono l’esasperazione di situazioni vissute a scuola, hanno ricordato alla solita donna quando era bambina e finché non aveva gettato fuori tutto quello che le era successo con sua madre non riusciva a rilassarsi.
La solita nonna diceva che la solita Simonetta era un libro aperto e le si leggeva in faccia com’era andata la mattinata.
Pallina assomiglia alla solita mamma come una goccia d’acqua
L’insolita appassionata di pedagogia ha cercato qualche strumento concreto per permettere a sua figlia di sfogarsi e di elaborare il suo fuori-casa.
Per cominciare la lascia disegnare. Da sempre il tavolo principale e un pezzo di libreria vicino alla sedia di Pallina, a Pallandia Home, è dedicato al materiale necessario per colorare (il solito casino insomma). E la solita figlia ci passa delle ore, da sola o con sua sorella. Quando ha finito è sempre rilassata e più calma.
Altro strumento che è in fase di analisi è un libro sullo yoga per bambini. In  verità la solita Simonetta ha cercato dei corsi specifici per bambini a cui iscrivere la bimba per fare yoga ma non ne ha trovato nessuno.
Anche in libreria la scelta non era vasta, ma Yoga nel cuore dei bambini* di Maria Rosaria Dibenedetto, edito da Anima edizioni risponde comunque alle esigenze della solita famiglia.
Affronta il tema della pratica yoga attraverso l’esperienza concreta dell’autrice-insegnante di scuola primaria, non solo come attività fisica (c’è infatti infatti la serie di asana da praticare con i bambini), ma anche con una serie di suggerimenti che Maria Rosaria Dibenedetto ha adottato in classe con i suoi alunni per far crescere la loro sicurezza e la loro serenità.
Educare al pensiero positivo è un capitolo interessante soprattutto per gli esempi concreti che l’autrice racconta e che ampliano e stimolano un approfondimento ulteriore a quanto la solita mamma sta già facendo per aiutare i bambini a cogliere i momenti più belli delle loro giornate.
E’ inutile dire che il terreno è già fertile con i soliti bambini e l’apertura mentale delle tre palline permette di lavorare insieme a loro. Essì, perché fare yoga, insegnare a sentire il proprio respiro e far ripetere delle frasi semplici ma rilassanti fa bene a loro ma anche a lei. Ok, non sempre va tutto liscio, ma una cosa è certa. Pallina, adesso quando parte per la tangente, ne è più consapevole e chiede alla solita mamma mi mettersi le mani sul cuore e di respirare per rallentare il cuore che batte troppo in fretta e per ritrovare la calma.
C’è ancora tanto da fare, ma la strada pare segnata e la solita mamma non mancherà di tenervi aggiornati sull’evoluzione.
E voi, come aiutate i vostri figli a elaborare le loro emozioni?

Felice Venerdì del libro a tutti.

*Link affiliato Amazon