Insoliti denti da latte

Sono giorni strani a Pallandia Home.
Sono la solita quindicina di passaggio, due settimane in cui i ritmi variano, le attività sono diverse e in alcuni casi ci sono novità da gestire.
Il primogenito è partito in sordina con la seconda elementare.
Alla domanda quotidiana: – Come è andata oggi?
Lui risponde sempre e solo : – Tutto bene, tutto bellissimo – Fine delle comunicazioni.
Ha ripreso judo con il suo maestro zen e si è quasi ingoiato il suo primo dente da latte.
Tutto si è svolto in maniera alquanto insolita, ovviamente.
C’è stata prima un’intensa discussione su chi avrebbe portato il soldino a Pallino: perché in un libro che la solita bibliotecaria aveva portato a casa per convincerlo a farselo togliere (era praticamente staccato e quello definitivo era quasi più grande di quello da latte. E comunque il dente è caduto da solo, mentre beveva da una bottiglietta d’acqua – evidentemente ci ha sbattuto sopra…) si parlava di un topino.
I soliti genitori veneti ricordavano che ai loro tempi passava la formichina.
Pallino sosteneva che sarebbe passata una fatina.
L’animata conversazione si è conclusa con un nulla di fatto. La solita mamma premurosa ha pensato bene di metterci un po’ di suspence dicendo che se nella notte i bambini avessero sentito rumori strani nel corridoio, molto probabilmente sarebbero stati il topino, la formichina e la fatina che si contendevano il dente.
Per concludere la serata, Pallino, ragazzo retto e abitudinario, ha voluto lavare il dentino. Nonostante il solito papà lo avesse scoraggiato dal farlo (che uomo previdente), il bambino è scappato in cucina di nascosto per concludere l’operazione. Solo il pianto disperato ha fatto capire ai soliti genitori l’inevitabile: il dente era finito nello scarico.
La solita mamma, dopo aver sussurrato al solito marito: – Che sfiga, è partita alla ricerca di una scusa plausibile per giustificare il trio molesto notturno topino-formichina-fatina che si sarebbe conteso il dentino nei tubi di Pallandia Home.
Il solito padre razionale, dopo aver bofonchiato, leggermente alterato con il figlio: – Altro che sfiga. Ha smontato, in silenzio e con la porta chiusa, lo scarico e salvato il primo dente da latte caduto nella solita casa.
Ecco tutto ciò per chiedervi: ma chi ca§§o porta via i denti da latte?
E’ una questione campanilistica? Che ne sa la solita Simo, magari in Veneto sono le formiche e nelle Marche le fatine. Ecco, sono dilemmi. Fate sapere alla solita curiosa la vostra regione di provenienza e animale-vegetale-extraterrestre ricettatori di denti da latte :). Grazie in anticipo.
E soprattutto: ma voi, mamme e papà topini-formichine-fatine-altro li conservate i dentini o li buttate?
Sono davvero giorni insoliti.

15 Comments Insoliti denti da latte

  1. AvatarAlice dalla nascita

    Beh, sono una tua ex-vicina di casa quindi formichina forever! (nel senso che il furbetto ha fatto finta di crederci ben oltre la scoperta della verità.)
    Che poi dei soldi non gliene fregava tanto, ma l’idea che arrivasse la formichina….

    1. AvatarLa solita mamma

      Vedi allora che è una cosa di “campanile” :)!
      Mio figlio ci crede ancora, ma è talmente preso dalla perdita in sé che non pensa ad altro. Insoliti conservatori crescono :D!

    1. AvatarLa solita mamma

      Con te siamo a topino (piemonte) 1, formichina (veneto) 1 e fatina 1 (emilia romagna). Un pari merito netto, per il momento ;)!
      Avevo letto il tuo post: era un rischio anche da me, visto che non si fa(ceva) mettere le mani in bocca…
      Baci

  2. AvatarLaNinin

    Il topolino ha quasi finito il suo lavoro, qui da noi.
    Ora ha addirittura un aiutante dodicenne che mette direttamente da parte, nella scatolina apposita, i dentini da ritirare. ;D

    1. AvatarLa solita mamma

      Al momento, con te vincerebbe il topino:
      – topino (piemonte, lombardia) 2,
      – formichina (veneto) 1 e
      – fatina 1 (emilia romagna)
      Eggià, piccoli aiutanti crescono ;)…

  3. AvatarVelma

    Salento: topolino.
    Io però ho pensato: se dico a Dafne che un topo passa di notte per la sua stanza al minimo non dorme per un mese intero, quindi fatina!
    Poi la fatina dopo i primi denti l’abbiamo lincenziata, che ci costava troppo che le versavamo pure i contributi.
    Poi a me sti denti caduti da conservare fanno un po’ senso, però qui Freddy regna sovrano e quindi conservazione sia.

    1. AvatarLa solita mamma

      Nel Veneto abbiamo le super-formiche da denti da latte: consulta wikipedia alla voce stronz&§e nel giorno del patrono dopo un bel po’ di ore in riva al mare come se fosse giugno :D! Ahahhaha!
      Aggiorno la classifica (anche se è difficile con te): cioè 0.5 al topino e 0.5 alla fatina.
      Per te va bene ;)!? O dai il tuo voto solo alla fatina?

    2. AvatarAlice dalla nascita

      Tu Velma non ti preoccupare che le formiche qui in Veneto ce la fanno, altro che i topi. E il dente non è niente. Quando ero piccola io, la formichina portava una moneta! Beh, magari lavoravano in gruppo!
      P.S. Sei proprio un ingegnere! Ooops.

Comments are closed.