Bruno Tognolini: fare un bambino felice (o non tanto infelice) 10

Il decalogo Dieci punti per fare un bambino felice. O non tanto infelice* di Bruno Tognolini finisce con l’ultima puntata oggi.
La solita organizzata elenca i post precedenti per chi se li fosse persi:

  1. diffidare dai decaloghi,
  2. diffidare degli esperti,
  3. farsi le proprie idee,
  4. fare spesso il tagliando delle proprie idee,
  5. esercitare memoria e giudizio,
  6. leggere libri e mangiare storie,
  7. profondere bellezza,
  8. non lo so,
  9. esercitare la memoria del dolore.
Bruno Tognolini non poteva che chiudere l’insolito decalogo con la sua consueta saggezza suggerendo di non cercare di fare a ogni costo bambini felici.
Appunto. Anche perché: cosa vuol dire rendere davvero felice un bambino?
Con quale criterio si quantifica la (sua) felicità?
Dal punto di vista del genitore, quali sono i segnali che identificano un bambino felice?
Ok, questo post è decisamente interlocutorio, ma in fondo la solita mamma crede che fosse questo lo scopo di Tognolini.
Insolite pulci letterarie nell’orecchio e magari ripartire dal primo punto in loop. E voi sapete esattamente quando il vostro bambino è felice (ma felice, felice veramente)?Tutto è cominciato così.

*Fonte del decalogo: Letteratura per l’infanzia

9 Comments Bruno Tognolini: fare un bambino felice (o non tanto infelice) 10

    1. AvatarLa solita Simonetta

      Non darmi meriti che non mi spettano e che vanno tutti incondizionatamente a Bruno Tognolini :D!
      Se non l’hai ancora fatto prova a leggere “Il fiume” (poesia contenuta in Gocce di voce – Fatatrac): è un mago con le parole, ha un capacità di entrarti dentro apparentemente con leggerezza, ma di suscitare emozioni enormi…

    1. AvatarVelma

      il pannolino, no?
      quando sono appena nati ti dicono che per sapere se mangiano abbastanza devono fare almeno 6 volte pipì al giorno.
      Per sapere se sono abbastanza felici ci vorrebbe un indicatore del genere.
      Che dici?

  1. AvatarMonica

    Da qualche parte ho letto “Le brave mamme hanno pavimenti sporchi e figli felici”. Se devo misurare la felicità di Bambino dalla lucentezza dei miei pavimenti, probabilmente in certi momenti ho il bambino più felice del mondo! 🙂
    Scherzi a parte, credo che un bambino sia felice quando gli altri intorno a lui sono felici e credo che la felicità sia il saper gioire per le piccole cose quotidiane. Lo sto insegnando a Bambino e anche a me stessa.
    Monica

    1. AvatarLa solita Simonetta

      Mi piacciono le tue letture perché si addicono anche ai mie pavimenti (e non solo a quelli! Vogliamo mettere il caos in casa in generale).
      E’ verissimo: ne parlavo proprio ieri con una mamma costratte a rientrare al lavoro a tempo pieno. Le ho detto che i bambini assorbono le nostre gioie e i nostri malumori. Sono delle spugne e allora basta lasciare i piatti da fare e stare un po’ con loro. Non è la soluzione ideale per le mamme che lavorano, ma in mancanza di alternative…

Comments are closed.