LAVA: la pulce d’acqua

La pulce d’acqua* di Angelo Branduardi e Luisa Zappa Branduardi è diventato un libro edito da Gallucci e illustrato da un amico Giuliano Ferri della solita bibliotecaria.
Si tratta di un’antica leggenda degli Indiani d’America che narra di un insetto che rubava l’ombra a chi non rispettava la natura.
Gli uomini privati così della propria anima, si ammalavano e solo con la musica e con il canto riuscivano infine a riaverla e a vivere felici.
Gallucci, secondo la solita bibliotecaria è stato un editore astutissimo, quando ha progettato la collana alla quale appartiene La pulce d’acqua*, perché accanto a canzoni note ai più grandi, ma orecchiabili anche dai più piccoli, ha offerto degli albi d’autore per dare voce all’amore per la lettura.
Nessuna ode a Branduardi in questo post (non ne ha bisogno), ma la voglia da parte della solita Simonetta di riconoscere a Giuliano Ferri il merito di avere illustrato questo album in maniera straordinaria, con il tratto particolare che lo contraddistingue.
La solita donna vi svelerà un segreto: lei, a Giuliano, deve molto, professionalmente parlando.
Dovete sapere che Giuliano Ferri è pesarese e quando la solita Simonetta ha cominciato a lavorare in biblioteca ha avuto il privilegio di conoscerlo da vicino e di lavorarci insieme. E’ una persona di una sensibilità grandissima.
Non solo.
La Fiera del libro per ragazzi di Bologna per una neo-bibliotecaria per bambini è un’esperienza unica: farla accompagnata da un illustratore internazionale (Giuliano Ferri pubblica molto più all’estero che in Italia), credetele che può segnare una carriera. E si spiega la solita fobia per il metodo LAVA .
La solita Simonetta ha già avuto occasione di parlare dei tanti artisti pesaresi locali che ha la fortuna di conoscere (e qualche volta ancora si stupisce di come una semplice città di provincia come la sua possa ospitarne così tanti). Se vi va, ne potete trovare qualche assaggio qui e qui e qui.
Insolito Venerdì del libro.

11 Comments LAVA: la pulce d’acqua

  1. Avatarkemate

    Oddio la pulce d’acqua, per mesi non abbiamo fatto altro che ascoltarla. In quel periodo ho un po’ odiato la Gallucci!

    1. AvatarLa solita

      C’è sia in versione albi grandi, che in versione cartonata piccola. Quella piccola si chiama “gli indistruttibili”, ma aimè non è proprio così.
      Comunque noi ne abbiamo una bella collezione :D!
      Buon fine settimana :D!

  2. AvatarLuna

    Approfitto di questo post LAVA per consigliarti un libro che mio figlio (2 anni) adora. Magari già lo conosci… “chi me l’ha fatta in testa?” (http://www.amazon.it/Chi-fatta-testa-Libro-pop-up/dp/8862120796/ref=sr_1_3?ie=UTF8&qid=1365777791&sr=8-3&keywords=chi+me+l'ha+fatta+in+testa).
    Noi abbiamo la versione pop-up e quindi ancora più divertente tirare linguette, girare rotelline, ecc…
    La storia parla di cacche e di animali…direi che per un duenne siamo appena appena sotto ai Barbapapà che detengono il primo posto irraggiungibili!
    il libro é carinissimo (anche se dopo la 4a 5a lettura di fila comincio a non poterne più!

    1. AvatarLa solita

      Eccome se non lo conosciamo e lo adoriamo anche se non in versione pop up! E’ un cult imperdibile: non ho ancora conosciuto qualcuno che non ci abbia perso la testa :D!
      Unn abbraccio :D!

  3. Avatarmaris

    Novità per me: non sapevo che la canzone famosa di Branduardi fosse diventata anche un libro! E in più non conoscevo il disegnatore. Insomma: una segnalazione importante, grazie 🙂

Comments are closed.