LAVA: insolite perdite

Qualche venerdì fa la solita mamma aveva trattato il lutto nei libri per ragazzi, tema difficile se non serve, ma fondamentale al momento del bisogno. E la solita Simonetta sa per esperienza che un libro è un utilissimo strumento di relazione soprattutto nei momenti delicati dei propri figli.
Il libro di oggi affronta ancora il tema del lutto ma per quanto riguarda gli animali di compagnia (dal pesciolino rosso al criceto, dal cane al gatto).

L’albo si intitola Topo Leo* di Jeanne Willis edito da Nord-Sud. Le illustrazioni di Tony Ross danno al libro quella sottile ironia che solo Ross riesce a creare sempre e che la solita bibliotecaria apprezza particolarmente.

Questa è la storia di Topo Leo
che a tutti diceva marameo.
Viveva in una scatola di cartone
con tanti quadri ma senza balcone.

Poi tranquillo stava a guardare
il papà che lo voleva intrappolare.
Anche a tavola stupiva tutti quanti
seduto su un piatto tra cibi croccanti.

E così non se ne andava, niente al mondo lo spaventava.
Neppure le trappole arruginite
o le pungenti tagliole appuntite.

Ormai gli volevano bene
e pranzavano sempre insieme.
Si sedeva sul suo seggiolino
con piatto, posate e bicchierino.
Ma un giorno purtroppo se ne andò.
Nel paradiso dei topi volò.
Ci sentivamo tristi e sconsolati,
quel topolino ci aveva conquistati.
Adesso abbiamo tanta nostalgia,
Topo Leo ci metteva allegria.

Non ci siamo ancora abituati.
Eppure è vero: Topo Leo ci ha lasciati.

La solita lettrice vi assicura il lieto fine, perché c’è ovviamente, nonostante le rime raccontino la dura separazione forzata dal topolino da compagnia.
Delicato, divertente ma altrettanto necessario.
Il solito venerdì del libro.

*Link affiliato Amazon

7 Comments LAVA: insolite perdite

  1. Avatarfranci

    Questo da noi non deve mancare …lo aggiungo alla lista ;D

    ps. grazie per il premio di ieri …e in bocca al lupo per la mezzana

  2. AvatarStefania

    I miei bimbi fanno un sacco di domande anche sugli animali, su dove vanno quando muoiono, sul perchè non possono restare sempre piccoli, sul come mai alcuni bambini ce li hanno e alcuni no…

  3. Avatarmaris

    Un punto di vista diverso, quello del lutto come perdita di un animale da compagnia: mi sembra davvero interessante questo libretto!

  4. AvatarFedericasole

    Tema triste, forse con le rime si affronta meglio, io ancora non l’ho affrontato con la mai Ciambella, ma lo segno, mi sembra molto adatto anche ai più piccoli per la sua delicatezza!Grazie Simo!buon weekend!

Comments are closed.