Insolita matematica

La matemathica è l’alphabeto nel quale Dio ha scritto l’universo (Galileo Galilei).
La  solita Simonetta ha un rapporto difficile con la matematica (anche con le lingue straniere se è per quello, ma va be’). Ne aveva già parlato qui.
A distanza di qualche mese le cose non sono cambiate. Il primogenito ha un istinto matematico sconcertante: i compiti di matematica gli fanno un baffo. E quando la solita matematica non risponde ai suoi desideri, la adatta. Avete capito bene, sì.
L’altro giorno il problema da risolvere per casa era 10 meno 6.
Doveva disegnare l’insieme, scrivere in diversi modi il concetto di differenza.
– Mamma, ho finito – il piccoletto.
– Fammi vedere prima di metter via il quaderno.
Il matematico in erba aveva fatto tutto bene se non fosse che invece del 10 aveva considerato risolto tutto (due pagine di quadernone, eh) come se fosse un 9.
E lì, la solita mamma si è intenerita e gli ha detto: – Amore ma la maestra aveva detto 10, vedi qui in alto.
Pallino ha cominciato a storcere la bocca, strizzare gli occhi e riflettere.
– Ok mamma, vado a correggere – senza fare una piega.

– Hai già fatto? Fammi un po’ vedere – Il saggio figlio ha lasciato tutto inalterato, salvo cambiare le condizioni del problema iniziale.
Ha semplicemente fatto sparire il 10 che per magia è diventato un 9. Facile, no?
La solita donna non ha avuto obiezioni.
E a quanto pare nemmeno la sua stupenda maestra.
Quando si dice il pensiero laterale?
Insolite strategie di sopravvivenza ai compiti.
E la solita ammirazione materna.

12 Comments Insolita matematica

  1. AvatarMoky

    Ma è troppo sgamato, meglio per lui, vuol dire che si sente sicuro di se e ha un buon rapporto con la maestra.

    1. AvatarLa solita

      Ne ha quattro di maestre e sono tutte davvero eccezionali, ma quella di matematica fa tornare bambina anche me. In più mio figlio è uno che dice che a scuola fa cose bellissime, che gli piace tutto (anche se nei fatti è un modo per mettermi a tacere e non dirmi altro eh!).
      Ma che devo fare :D!? E’ il primo e io con lui navigo a vista ;D!

  2. Avatarpapafordummies

    Il nanetto ha una bella mente 😀
    La matematica è rimasta poi un mio grande rammarico. L’averla studiata male (eufemismo) per poi sviluppare curiosità che ne avrebbero richiesto un impegno maggiore.

    Credo approfitterò della carriera scolastica delle bimbe per riprendere dalle tabelline 🙂

    1. AvatarLa solita

      I compiti a casa stimolano davvero a riprendere in mano cose che sembrano così lontane, ma con un punto di vista diverso. C’è la curiosità e l’interesse senza il fine (devo farlo altrimenti…).
      Mio figlio spesso sembra con la testa per aria e poi mi fa capire come in questo caso che lui percorre le sue strade, libero, ingenuo, senza preconcetti. Speriamo che duri :D!

    1. AvatarLa solita

      Al passaggio alla scuola elementare temevo molto che le insegnanti non fossero “umanamente attente” (di tutto il resto non mi interessa, nel senso che non sono una fanatica del programma serrato: chissenefrega!).
      Invece so che mio figlio è in ottime mani: e per me conta più di tutto :D!
      Le maestre tengono conto dei bambini :D!

    1. AvatarLa solita

      Non sai quanto mi fanno felice: a volte temo di star loro troppo addosso, senza dare la possibilità di essere loro stessi. Queste cose mi fanno capire che hanno davvero una marcia in più. Che poi i compiti temo che fossero sbagliati in linea di principio, ma l’ostacolo non l’ha fermato.
      Ciao e guarda che voglio sapere il tuo progetto (anche in pvt, se vuoi!).
      Un abbraccio

    1. AvatarLa solita

      La maestra è unica e mi sono affezionata a lei la prima volta che l’ho sentita parlare :D! Ero preoccupata finché non l’ho conosciuta, ma poi ho capito di averlo lasciato in buone mani.

  3. AvatarLa madame

    Bravissimo! E dirò di più, conoscendo le maestre brava anche alla maestra che non ha guardato i numeri ma il procedimento.

    1. AvatarLa solita

      Quella maestra è di una dolcezza infinita e credo che qualsiasi cosa abbia detto (o meno) a mio figlio l’avrà fatto con una tenerezza tale da lasciarmi assolutamente tranquilla.
      Devo dire di essere fortunata (in realtà mio figlio!): le maestre, tutte e 4 le maestre sono davvero sensibili e attente, quindi mi considero previlegiata visto che comunque è una scuola pubblica.

Comments are closed.