Bruno Tognolini: fare un bambino felice (o non tanto infelice) 1

La solita organizzata per natura (e anche un po’ criptica!) rivolge spesso lo sguardo oltre per guardare cosa, ancora non è dato sapere (oltretutto è miope come una talpa), ma le piacerebbe approfondire un insolito decalogo stilato da un illustrissimo maestro di parole come Bruno Tognolini dal titolo Dieci punti per fare un bambino felice. O non tanto infelice.
A Pallandia Home per questo autore c’è una sorta di venerazione.Dovete sapere che la solita mamma alla scoperta di essere incinta, in tutti e tre i casi, ha regalato un libro al futuro nascituro con tanto di dedica-impegno materni (che i bambini si fanno leggere insieme all’albo, ma il cui vero significato lo capiranno solo tra un po’!) e Mammalingua* di Bruno Tognolini è stato il libro che ha ricevuto in dono il primogenito.
Mammalingua* inoltre possiede una sua storia a parte, essendo stato il primo vero tentativo di quello che sarebbe diventato per il solito blog il metodo LAVA.
Merito ovviamente della autentiche poesie di Bruno Tognolini, a 6 mesi Pallino ascoltava rapito tra le braccia della solita mamma quelle preziose rime.
A dimostrazione che il metodo LAVA funziona (la solita modesta lo dice per gongolarsi un po’ eh). Non solo. La solita bibliotecaria ha avuto occasione di vedere in azione con i bambini Bruno Tognolini durante un incontro con l’autore. Non serve aggiungere che è piaciuto alla solita Simonetta, vero? Con la sua ironia, Tognolini prevede al primo punto di diffidare dei decaloghi.
Ecco. E continua: – Questo (decalogo) compreso. Capisco la tendenza del mercato ad emulare il format di Mosè, ma temo che nulla di buono possa nascere davvero in dieci punti: i giorni, i continenti, le meraviglie e le fiasche di lacrime per esempio son sette, i mesi son dodici, i giorni trecento e sessantacinque, gli anni sono infiniti, Stanlio e Ollio son due. Forse dal dieci non si cava grande cosa, se non le tavole del rogo in fiamme e la base dei conti occidentali.

Insolito buon senso. Non male per cominciare la ricerca della felicità per i più piccoli, e voi che ne dite?

Segue il punto due.

*Fonte del decalogo: Letteratura per l’infanzia

3 Comments Bruno Tognolini: fare un bambino felice (o non tanto infelice) 1

  1. Avatarwolkerina

    Mi stupisci sempre: l’idea del libro da regalare al nascituro è stupenda!!
    E il libro che citi mi incuriosisce molto, metto in lista 🙂

Comments are closed.