Le solite montagne russe emotive

Ci sono dei giorni.
Giorni in cui ti svegli con la luna storta e non sai perché (o forse si, ma fingi di non saperlo).
Giorni in cui splende il sole e ti illumina ogni cellula disponibile.
Giorni in cui vorresti solo nasconderti sotto il piumone e rimandare a domani il buongiorno.
Giorni in cui, anche se piove, ti senti una carica inspiegabile e non ne capisci il motivo (o anche in questo caso, forse lo sai, ma ancora una volta fingi di non saperlo).
Giorni in cui i tuoi principi offuscano il tuo giudizio, ma stai annaspando (e lo sai), ma non te ne frega più di niente.
Giorni in cui alzi la testa e pensi che senza i tuoi prinicipi non saresti più tu, così come sei.
Giorni in cui nei tuoi #noivaliamo rivendichi la solidarietà al femminile, perché non ce n’è abbastanza verso noi donne e tra noi donne.
Giorni in cui donne reali, in carne e ossa, ti fanno capire quanto ti sono amiche e ti chiedi perché.
E sere in cui ti addormenti con il sorriso per un SMS che ti dice per concludere una giornata faticosissima: sei una vera amica.
Auguro a tutti la stessa fortuna, consapevole che le solite montagne russe ricominceranno a sballottarmi tra dieci minuti.

15 Comments Le solite montagne russe emotive

  1. Avatarmaris

    Mi sa che io e te frequentiamo lo stesso lunapark, perchè le montagne russe che descrivi assomigliano tanto tanto a quelle che sballottano anche me 😉
    Buona nuova giornata!

    1. AvatarLa solita

      Ogni tanto avrei bisogno di una bella distesa in pianura, ogni tanto, così tanto per gradire e per ri-apprezzare l’alta quota ;D!

  2. AvatarAlice

    Ecco, io queste montagne russe emotive le ho vissute negli ultimi mesi del 2012. Precipitavo e mi riprendevo, più che altro però ero in caduta libera. Poi ho finito le lacrime e adesso sono in stato di semi-autoipnosi, riesco a farmi scivolare le cose. O almeno ci provo. Però, almeno una volta al giorno, penso che se fossi veramente coraggiosa, darei un calcio a tutti e a tutto, e mi riprenderei la mia vita e la mia coerenza. (Se non si è capito, parlo del mio lavoro)
    La solidarietà al femminile che scarseggia è la cosa che mi dispiace di più. Hai voglia a rivendicarla verso le donne, se, spesso, non ce n’è abbastanza tra di noi.

  3. Avatarhottanta...

    Ehi, solita! Io sono avviluppata nel mio bozzolo ma non ti dimentico. E’ passata la scadenza del primo febbraio…. Spero tutto bene… Un abbraccione sotto un piumino caldo caldo!
    In bocca al lupo!

    1. AvatarLa solita

      A dispetto di tutte le previsioni (mercoledì 30 avevo già fatto tutti passaggi di consegna e giovedì avevo preso ferie), i sindacati hanno fatto il miracolo. Non posso definirlo diversamente e da ieri mi sento una miracolata.
      Quindi: per me è andato tutto bene :D!
      Grazie!

Comments are closed.