I soliti regali

La solita mamma non sa se è successo solo a lei quand’era piccola.
Lei, precisina, scriveva la sua bella letterina a Babbo Natale e quello poi faceva un po’ come pareva a lui.
Sì, insomma lei chiedeva la lavagna con i gessetti e il grande vecchio le portava una bella pena e un blocco notes. Lei chiedeva un gioco e lui gliene portava tre, belli per carità, ma non quello che aveva chiesto la solita bambina.
Che poi una si domanda dove nascono i sensi di colpa e la scarsa autostima.
– Che forse non sono stata una brava bambina?
E sì, perché questa cosa ti perseguita poi, ti crea dubbi già in tenera età.
Memore di tutto ciò, la solita empatica non poteva far vivere le stesse ansie ai suoi bambini e quindi si è organizzata (e quando no?). Qui i regali mica piovono dal cielo: un regalo arriva a ciascuno per il compleanno e per Natale.
Stop.
Fine.
Che almeno si rispettino gli insoliti desideri dei pargoli.
Facile, no? Mica tanto.
Pallino ha chiesto a Babbo Natale le bocce.
No, vi rendete conto? E le wii, le playstation, gli aggeggi vari? No.
Le bocce, quelle da spiaggia, quelle che usano i vecchietti in riva al mare e con le quali rischiano di sfondare il cranio agli altri bagnanti. Quelle.
Ora immaginate con il freddo che pela in questi giorni la solita Simonetta alla disperata ricerca di bocce (sì, perché qui d’estate le tirano dietro in tutti i sensi, ma d’inverno no).
Pallottolina sta snervando Babbo Natale da agosto per avere un coniglio giallo. Non un coniglio normale. No, ovviamente. Giallo. Quello visto in una rivista auto-prodotta di auto d’epoca.
– Qualche gradazione di beige, amore?
– No lo boio giallo.
Pallina vuole delle calamite da valigia: non osate chiedete dettagli. Non è dato sapere. La solita mamma ha solo trascritto la sua richiesta per Babbo Natale.
Questi sono i desideri espressi dopo mesi e mesi di pensieri e discussioni da tre piccole menti pallose, ma convinte ed irremovibili sulle loro scelte.
Ora voi sapete quanto la solita mamma tenga alle emozioni dei suoi figli. Non oserebbe mai di proposito mettere in discussione la loro stima facendo regali non richiesti, fuori tema, improvvisati. Ci mancherebbe.
Ma dove ca§§o trova bocce, coniglio giallo-giallo e calamite da asporto?
In pieno clima natalizio, con una bella tosse da minatrice e una gran voglia di ferie, la solita donna chiede solidarietà umana.
Cosa hanno chiesto i vostri pargoli per Natale?

15 Comments I soliti regali

  1. mammapiky

    Lo sai che noi non riusciamo a trovare un semplice binocolo.???? Pare che non sia più un gioco che va di moda. Mi sono data tempo fino a sabato poi proverò a costruirlo da sola!!!

    1. La solita

      Il binocolo a Pesaro l’ho visto alla Città del Sole. Perché poi di solito le richieste insolite loro riescono quasi sempre ad esaudirle.

    2. mammapiky

      Qui c’è un negozio che si chiama La casa del giocattolo ed ha veramente cose particolari, fuori dai soliti schemi, oddio ha anche giochi normali, ma se vuoi una “chicca” vai li, eppure non riescono a trovarlo….me ne hanno proposto una molto sofisticato, con immagini di scienza dentro, ma a me ne serve uno semplice e colorato, di plastica e magari resistente, perché farà un sacco di voli. L’ha visto Peter Pan, dove ce l’ha Capitan Uncino e non mi da tregua. Se non riesco per sabato, proverò a farlo con due rotoli vuoti di carta igenica. Non sarà resistente ma come sorpresa forse può andare.

  2. chi

    quest’anno?
    un benemerito niente.
    non sapevano cosa chiedere.
    non avevano richieste.
    non li ho costretti a decidere.
    scelgo io.
    e speriamo in bene.
    😉

  3. mammozza

    Con assoluta decisione la più grossa e imponente mietitrebbiatrice giocattolo esistente. L’anno prossimo chiederemo il garage per collocarvela. E l’ennesima macchina telecomandata che ci siamo rifiutati di comprare, sostituendola con un orologino da polso per bambini (idea di papi Miki che ha ricevuto il suo primo orologio circa alla stessa età). Del secondo però credo che non susciterà una gran meraviglia

    1. La solita

      Anche il nostro parco-macchine-camion è decisamente consistente. Per fortuna il camion dei traslochi (mi viene solo adesso il sospetto che volesse comunicarmi qualcosa!!) l’aveva chiesto per il compleanno.
      Adesso vuole le bocce. L’ho portato in giro a vedere se c’era qualcosa che lo allettasse, ma niente da fare!

    1. La solita

      Noi ne abbiamo moltissimi: duplo. I lego non-duplo (non so come si chiamano, quelli più piccoli) piacerebero di più a mio marito. ma non se ne parla :D!
      Ciao e benvenuta nel solito blog!

  4. Slela

    A me hanno chiesto super mega giochi costosi visti in pubblicità. La letterina è stata rispettata quindi solo per un gioco a testa, rispettivamente Occhio al fantasma per la grande e due camion Mac di Saetta per i gemelli, gli altri li ho scelti io, molto più educativi di quelle schifezze.

    1. La solita

      Prima o poi dovrò decidermi a far funzionare il decoder, altrimenti sono perfettamente consapevole di crescere tre alieni fuori dal mondo ;D!
      Tanti auguri di buone feste Slela, di cuore :D!

  5. Gina Barilla

    Niente. E’ troppo piccolo. E la solita mamma tignosa ha fatto una pacata lista di piccole cose necessarie e l’ha distribuita ad amici e parenti. Per magnanimità gli ho comprato un paio di giochi (ovviamente in legno e intelligenti), ma sono certa di aver sprecato soldi e tempo visto che lui gioca con tutto furchè i giochi.
    Ah! Per San Nicola (Guu si chiama Nicolò) sono arrivati due gattini. Regalo più grande non avrei saputo immaginare.

    1. La solita

      Anche i miei giocano con qualsiasi cosa (possibilmente nato come non-gioco!). Ognuno crea le sue tradizioni e non c’è obbligo di imporsene dove non se ne sente la necessità. Festeggiare San Nicolò con due gattini però mi sembra bellissimo :D!
      Ciao e tanti auguri di buone feste!

Comments are closed.