LAVA: Nella foresta del bradipo di Anouch Boisrobert e Louis Rigaud

Nella foresta del bradipo* è un libro di Anouch Boisrobert e Louis Rigaud edito dalla Corraini. Nella foresta amazzonica vive il bradipo abbracciato ad un unico albero, flemmatico e incurante della luce e dei rumori che lo circondano. Non si sveglia neppure all’avvicinarsi improvviso delle ruspe, dei camion, delle pale  che fanno tremare la foresta e mettono in fuga tutti gli altri animali.
La solita mamma ha scelto questo pop up per il Venerdì del libro per motivi diversi.
Il primo abbastanza ovvio è il tema ecologico, al quale si affianca (per non dire si giustifica) il fatto che questo albo sia stampato con inchiostri di soia nel rispetto dell’ambiente e su carta proveniente da foreste gestite in modo sostenibile.
Nel sito della casa editrice si legge infatti che “ogni anno scompaiono sulla terra 13 milioni di ettari di foreste. Il 90% della deforestazione è illegale, e minaccia la sopravvivenza di numerose specie, fra cui quella del bradipo brasiliano tridattilo. Ma non è ancora troppo tardi per impedire questa distruzione. ”
Si tratta di un libro impegnato insomma.
In secondo luogo perché il formato prezioso del pop up sembra alla solita bibliotecaria una felice eccezione alle scelte editoriali della Corraini, sempre molto attenta alla qualità dei suoi titoli, ma che questa volta si spinge verso il design del libro spettacolare, senza perdere la sua riconoscibilità.

Per finire la solita petulante del metodo LAVA vorrebbe spezzare una lancia in favore del libro pop up, proprio a poche settimane dal convegno L’editoria per ragazzi volta pagina dove si è parlato di ebook e app per bambini.
Ecco!
Il pop up sta esattamente a metà strada tra il classico libro cartaceo e il nuovo libro digitale: possiede l’interattività di un ebook, ma conserva inalterato il fascino delle pagine fisiche.
Ogni anno la solita Simonetta regala per Natale un pop up ai suoi figli. Costano di più rispetto alla media, ma volete mettere gli occhi estasiati ogni volta che i bambini sfogliano quelle pagine.

*Link affiliato Amazon

Nella foresta del bradipo Book Cover Nella foresta del bradipo
Anouck Boisrobert
Albi illustrati
Corraini
14

14 Comments LAVA: Nella foresta del bradipo di Anouch Boisrobert e Louis Rigaud

  1. AvatarMaude

    I pop up piacevano moltissimo anche a Ragnina, sono d’accordo con te, i bimbi ne vanno matti. E’ un modo sia per leggere sia per giocare e non lo trovo per niente negativo.
    Buona giornata Simonetta!

    1. AvatarLa solita

      L’unico “problema” dei pop up è che costano un occhio! E’ per questo che ne regalo uno all’anno…
      La solita taccagna, eh!

  2. AvatarRobin :D

    L’abbiamo preso anche noi in biblio 🙂 e sono rimasta incantata dalla delicatezza e dall’attenzione di D. per questo libro. Lo appoggiava sul tavolino e poi continua a girargli attorno per gustarsi tutti i particolari… e per cercare il bradipo!

  3. Avatarhottanta...

    Adoro i pop-up! Peccato che durano una settimana! Stasera sono riuscita a leggere alla patapuffola un paio di storie di Rodari, non pop-up, lo so sto andando fuori tema, con bellissime illustrazioni simili a Pipì, Pupù e Rosmarina, un cartone animato delizioso (regia D’Alò, mica pisse e fichi!). Era un suo regalo per il compleanno a ottobre e non ne voleva sentire parlare, ma è bellissimo. Poi c’è un altro libro che l’ha incantata “Giordano del faro”.
    Io provo a lavare, prima o poi…
    Grazie sempre dei tuoi preziosi suggerimenti!

    1. AvatarLa solita

      Se si parlasse di cucina direi che siete di “palati fini” :D! Rodari è un must, ma “Giordano del faro” è una vera perla. Anche io ho periodi in cui LAVA-re mi è più difficile, ma lasciare in giro per casa dei libri significativi è già un enorme gesto d’amore.
      Credimi, ci sono famiglie dove non c’è nemmeno 1 libro…
      Un passo alla volta Hottanta, uno alla volta…
      Un abbraccione fortissimo e grazie a te :D!

  4. Avatartowritedown

    Ciao Simonetta,
    proprio nel weekend anche noi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza con i libri pop-up: ed è stato un successo!

    Colpa mia non averli proposti prima: ma ero molto preoccupata, sciupare un libro (e un libro a pop-up è irresistibile per le piccole manine) mi fa male al cuore e agli occhi.

    Esperienza fantastica, dicevo, e questa tua segnalazione la appunto per i miei prossimi acquisti, grazie.

    Grazia

    PS: mi trovi più che d’accordo anche sulle tue considerazioni su questro tipo di libri, decisamente interattivi!

Comments are closed.