LAVA: La grande fabbrica delle parole di Agnes de Lestrade e Valeria Docampo

La grande fabbrica delle parole* di Agnes de Lestrade e Valeria Docampo (Terre di mezzo, 2010) era già stato citato dalla solita mamma perché fa parte di un codice segreto tra lei e le sue tre palline.
Ne aveva già accennato qui. Ma aveva bisogno di raccontarlo ancora, perché si tratta di un libro potente e bello sull’immenso potere delle parole. Oltre al testo straordinario e poetico, meritano un posto d’onore le illustrazioni di questo albo che Terre di mezzo ha pubblicato l’anno scorso.

Prima che il libro cominci e quando la storia è già finita le vere protagoniste indiscusse del racconto, le parole, fluttuano in un mare di rosso.

Questo è il paese della grande fabbrica della parole. Dal comignolo al posto dei vapori escono lettere.

In questo posto per poter parlare bisogna comprare le parole. Ci sono negozi per ogni occasione: per parolacce, per parole estive, per parole speciali…
Per poter pronuciare le parole bisogna inghiottirle. Non tutti però hanno i soldi per comprarle. Ci sono parole che costano poco, che si fa una gran fatica ad usare, come ventrilocuo o rododendro.

Ci sono parole che che restano sopese nell’aria e allora i bambini cercano di prenderle con dei retini da farfalle, per avere qualcosa da dire alla propria mamma e al prorio papà a cena.
Phileas, il protagonista, è innamorato della bella Cybelle, ma non ha tanto denaro per comperare le parole “Ti amo”…

Per lei è riuscito ad acchiappare con il retino “solo” 
…ciliegia….
polvere
seggiola
Secondo voi saranno sufficienti a conquistare la bella Cybelle?
Età consigliata: Pallino aveva quattro anni quando ha cominciato ad ascoltarlo e non si è ancora stancato di sentirlo leggere. La solita mamma e il solito marito hanno ampiamente superato i 40 anni e lo avrebbero comprato per loro, vista la magia che riesce a sprigionare, anche senza la pallosa produzione.
E’ un libro che merita un posto d’onore nella biblioteca personale di tutti coloro che credono nell’importanza delle parole.
Con questo post la solita mamma partecipa al Venerdì del libro di Homemademamma.
Buon weekend a tutti, usando molta attenzione le parole ;)!

 

*Link affiliato Amazon

26 Comments LAVA: La grande fabbrica delle parole di Agnes de Lestrade e Valeria Docampo

    1. AvatarLa solita mamma

      Sì, l’illustrazione è davvero particolare. Il libro, non so se hai notato, è un po’ sfasciato (ri-ri-LAVA-to parecchio!). Inoltre piace molto anche a me ;)))!

    1. AvatarLa solita mamma

      Il “solito” grazie! L’ho sentito raccontare durante un corso Nati per Leggere per genitori e me ne sono innamorata. Quando l’ho ordinato in libreria, ho fatto innamorare la libraia… Insomma spero di essere stata contagiosa anche con te ;)))!

    1. AvatarLa solita mamma

      Sono le mani di Pallina! E’ stata nominata “baby-assistente blogger” della mamma. Ha preso seriamente il compito di “non far scappare” il libro. In altre parole o così o non riuscivo a fare le foto ;D!
      Lei si è divertita, e io con lei.
      Buon weekend!

  1. AvatarMichela

    Bellissime le immagini, bellissimo il messaggio sull’efficacia e l’importanza delle parole e delle loro sfumature. Lo cercheremo senz’altro.
    Grazie per la segnalazione.
    Michela

    1. AvatarLa solita mamma

      Il messaggio sulle parole è veramente intenso. Protagoniste indiscusse fino a metà dell’albo. Solo in quel momento compare a tutta pagina Phileas…
      Grazie a te e un abbraccio

  2. AvatarMissMinù

    Phileas e Cybelle: “ciliegia” “polvere” “seggiola”, i più grandi poeti che parlano d’Amore non avrebbero scelto parole migliori!
    Illustrazioni bellissime!
    Grazie mi hai fatto venire voglia di acquistarlo per i miei bimbi… e per me!
    MissMinù

    1. AvatarLa solita mamma

      Durante la lettura viene spontaneo “sussurrarle” e l’effetto LAVA è assicurato. Sono parole che uso “fuori contesto” i bambini e che richiama lostesso effetto.
      E’ un libro “multifunzionale” ;D!

  3. AvatarLa solita mamma

    Kemate, non so perché, ma risulta un tuo commento che non compare sul blog. Cito: “Sono contenta di trovare altre mamme che impazziscono per un libro per bambini, di solito se non riesco a convincere la prole ad acquistarlo non ci penso due volte e me lo prendo per me solo per me.”
    @Cara Kemate sei in ottima compagnia ;)))! Io compravo e regalavo libri per bambini prima di avere i figli (e non solo a bimbi!). Spesso sono molto diretti e emotivamente coinvolgenti.
    Buon fine settimana!

  4. AvatarMarta

    Ma che bel libro questo lo voglio sicuramente acquistare per i miei bimbi, grazie per la segnalazione e sicuramente lo terrò in considerazione per i cuginetti come regalo 🙂
    A presto.
    Marta

  5. AvatarStefania

    E’ un libro che conosco di fama e che ho “intravisto” in occasione di un incontro “Nati per leggere”. Non l’abbiamo ancora letto ed avuto tra le mani, però… Dovremo rimediare al più presto.

  6. Avatarmela

    Non il “solito” libro 🙂
    Comunque complimenti perchè consigli sempre dei libri bellissimi! ma dove li trovi?

  7. AvatarMonica:)

    Bello, bellissimo, poetico delicato e fa riflettere anche le piccole menti. Le mie figlie l’hanno amato e Chiara l’ha voluto portare a scuola, dove anche la maestra l’ha apprezzato.

    Inoltre le illustrazioni sono bellissime e suggestive.

Comments are closed.