Insolito digitale terrestre

Anche a Pallandia Home è sbarcato il digitale terrestre!
O quasi!
Qualche settimana fa, in largo anticipo rispetto alle previsioni, la solita mamma organizzata, in compagnia di Pallino, ha acquistato il decoder. Alla visione della scatolina nera il solito papà ha esternato tutte le sue remore verso la digitalizzazione, il condizionamento che la televisione comporta, la dipendenza che da enne canali in più ne deriva e bla bla bla.
La solita consorte conosce questi slanci portati avanti al limite della decenza: ne ha vissuto uno simile al momento in cui è nato Pallino e il neo-papi ha dovuto scendere a compromessi con il cellulare (non lo possedeva prima).
Insomma il solito rigido anacronistico conservatore.
Bene, la solita donna ha aspettato che oscurassero la televisione analogica, lasciando in bella vista l’aggeggio tecnologico e rispettando i suoi tempi (un po’ come con i bambini), nella speranza che il solito uomo provvedesse all’installazione, oltre che a convincersi che un telegiornale al giorno non corrompeva le sue posizioni in proposito.
La tv analogica ha lasciato la solita famiglia, ma il decoder rimane sigillato in ottima vista, sempre chiuso e con una leggera patina di polvere depositata sopra (segno evidente che non è stato nemmeno preso in mano).
L’altro giorno la vicina, priva di un maschio tecnologico in casa (che poi chissà perché solo i maschi dovrebbero essere dotati dalla nascita per diritto divino di capacità tecnica), ha fermato il solito papà per chiedere aiuto, visto che nonostante il decoder non riusciva a vedere niente alla televisione. L’insolito papà, con una serenità d’animo che lascia davvero senza parole, le ha fatto la paternale sulla dipendenza da tv, la contorsione mentale del dover dipendere da enne canali e bla bla bla.
Alla salvezza mentale della signora priva-di-maschio-tecnologico ha provveduto la vicina F. che le ha spiegato che era già stato allertato l’amministratore di condominio per verificare la compatibilità dell’antenna.
La solita mamma spera che allo scadere dei soliti quindici giorni di stand by (indispensabili per tutti gli abitanti di Pallandia Home per adeguarsi ai cambiamenti) anche il solito ostinato uomo rinunci alla sua battaglia personale. O che almeno mantenga le sue riserve nelle stanze prive di tv!
p.s. Per la cronaca a Pallandia Home c’è solo una televisione, quindi il resto della casa a disposizione del solito talebano non sarebbe poco.
p.p.s.  Sempre per la cronaca, il solito papà ha il cellulare più spartano e privo di qualsiasi effetto speciale disponibile sul mercato. Ha giusto la suoneria, ma solo perché altrimenti non potrebbe rispondere alle telefonate della solita mamma (il numero è riservatissimo ovviamente) e in mancanza della quale non avrebbe senso possedere il cellulare, appunto.
Il solito.

3 Comments Insolito digitale terrestre

  1. Velma

    Caspita! Che tipo tuo marito!
    Il mio, ahimè,è l’esatto opposto ( e non so se sia una buona cosa)!
    In realtà noi abbiamo due televisori che però non usiamo come televisori ma come monitor…perchè devi sapere che anche se in casa siamo solo due adulti, una quattrenne e una microba, abbiamo n. 3 portatili, n. 2 pc fissi e n. 1 i-pad. Tutti funzionanti e utilizzati, nonchè collegati in rete. Una centrale! Proprio due giorni fa ha avuto la “brillante idea” di acquistare un 40″ da mettere in soggiorno (in soggiorno capisci!) così da poter comodamente (!!) utilizzare il pc dal divano utilizzando come tastiera e come mouse l’i-pad!
    La verità è che sono DISPERATA!

  2. La solita mamma

    Mia cara, anche mio marito dispone di un certo numero di Pc (che in alcuni casi ha spacciato come regali per la sottoscritta!). Molti sono sepolti nello sgabuzzino perché sono da portare al Museo dell’informatica, secondo lui! In più, essendo un informatico, viaggia con il portatile ovunque (chissà perché avrà sempre mal di schiena ;DDD!): non si sa mai che andando a portare i bambini a scuola…! A maggior ragione quando parte per “la tangente anti-tecnologia” mi fa andare fuori di testa!

Comments are closed.