Insolita Hello Kitty

La solita mamma non è una fanatica di moda. Al contrario.
Veste sempre le stesse cose.
Individuato un capo per necessità, ne acquista più d’uno dello stesso tipo, in modo da non avere problemi di scelta al momento di vestirsi. Insomma la versione femminile del protagonista di Nove settimane e mezzo che aveva l’armadio pieno di abiti tutti uguali.
Pallina, la secondogenita di tre anni, non assomiglia per niente a sua madre.
E la solita mamma non capisce come sia possibile.
Pallina impazzisce per tutto quello che è rosa, scintillante e spaventosamente femminile (e pensare che la solita mamma durante la gravidanza aveva minacciato chiunque si azzardasse a comprare vestitini nei colori tipicamente “pupeschi” nella tonalità dell’azzurrino e del rosino).
La solita mamma compra anche per i bambini solo per necessità.
La solita mamma si spiega.
Magliette e pantaloni di Pallino smessi possono ancora essere usati dalle sorelle minori.
Pallina però non è d’accordo.
E non perde occasione per farlo notare alla solita anti-fashion per eccellenza.
La solita mamma inoltre non si offende se qualcuno le regala qualcosa di usato. Anzi.
Ieri pomeriggio una collega del solito papà gli ha dato la terza tranche di vestiti smessi dalle sue figlie. Per la terza volta una valanga di magliette di Hello Kitty in tutte le versioni di rosa disponibili, gonne e altro, tutto rigorosamente bello e di marca, che mai la solita mamma avrebbe pensato di comprare, ha varcato le soglie di Pallandia Home.
Il solito papà si è limitato ad appoggiare la borsa ed è uscito.
Pallina, scoperto l’insperato cumulo di abiti, è andata in brodo di giuggiole e ha cominciato a girare per casa in cerca del padre per ringraziarlo, luminosa, gioiosa, camminando ad un metro da terra.
Alla fine la solita mamma ha chiamato al cellulare l’improbabile “babbo natale” novembrino per farlo parlare con la figlia: – Sei stato bravissimo papi. Sei il migliore papà del mondo. Ti voglio bene, papi, grazie grazie grazie… – E sarebbe ancora attaccata al cellulare, se non fosse intervenuta la solita guastafeste ad interrompere la melassa.
E così la solita mamma, felice di riflesso per l’incontenibile gioia filiale, si chiede: – Ma da chi avrà preso questa figlia?
Non è che i soliti genitori stanno crescendo un’involontaria velina, per puro spirito di contraddizione alla riluttanza parentale (già in fase pre-natale) a tutto ciò che è rosa shocking?!
E questi insoliti dubbi arrovellano profondamente la mente della solita sciattona.
p.s. La solita mamma è rientrata d’urgenza a Pallandia Home, visto che il solito papà ha deciso di attirare la sua attenzione con 39 di febbre!

4 Comments Insolita Hello Kitty

  1. Avatarwolkerina

    ma lo sai che anche la mia piccola è attratta da tutto ciò che è rosa/fucsia? e anche noi abbiamo evitato il più possibile questi colori (tanto che spesso la scambiano per un bimbo visto che non veste rosa).
    dimmi che non diventeranno veline.. argh!

    p.s. il solito papà ora sta meglio vero?
    un abbraccio

  2. AvatarLa solita mamma

    Me lo auguro di cuore! Speriamo che lo spirito di contraddizione delle nostre figlie non superi l’adolescenza altrimenti saranno guai!

    Il solito papà sta decisamente meglio. La risalita è cominciata con una dose massiccia di antibiotici e la mia presenza (almeno lo spero ; DDD)!

  3. AvatarVelma

    Ma siamo la stessa persona? E abbiamo la stessa figlia?
    Però mi sa che la mia Dafne non lo fa per spirito di contraddizione…il suo essere fashion c’è l’ha proprio nel sangue!

Comments are closed.