I soliti nonni

La solita famiglia vive lontano dalla sua città di origine, dove risiedono ancora nonni e zia.
La spesa in “ricarica cellulare” è notevole.
Da quando è nato Pallino la vecchiaia sembra essersi improvvisamente accanita sui soliti nonni, non lasciando loro tregua, anno dopo anno, mese dopo mese.
La lontananza non aiuta e “notizie” date a metà, per volontà o semplicemente per dimenticanza (perché a raccontare sempre lo stesso ritornello a tutti, alla fine sfugge sempre qualcosa) stanno seriamente mettendo in crisi la solita figlia. In questa veste la solita mamma è davvero pessima.
Ha l’impressione di dire sempre le cose sbagliate al momento sbagliato, finendo per litigare con sua madre, lasciando entrambe molto amareggiate. Se questo è sempre stato il loro modo di comunicare, adesso è diverso e fa ancora più male.
La solita nonna ha votato la sua vita alla causa “famiglia”. Per lei i ruoli sono sempre stati molto chiari.
Lei-donna a casa ad occuparsi delle figlie, lui-uomo, servito e riverito in casa, a procacciare il cibo fuori. Nessuna invasione di campo, nessun tentennamento, un equilibrio perfetto per loro.
Oggi il solito nonno non ce la fa più “da solo”, ma la solita nonna si intestardisce a non volere nessun tipo di aiuto.
– Ce la faccio da sola! – continua a dire, anche se il suo fisico non è molto d’accordo con lei.
Solo lei e lui, e di fronte a questa immensa prova d’amore fra loro, le solite figlie non hanno armi.
Possono solo guardarli mentre si consumano, senza riuscire a fare nulla.
La solita mamma telefona, sbotta, sbuffa, vorrebbe fare, organizzare, rendersi utile, strilla.
La solita zia, molto più vicina ai soliti nonni, ingoia in silenzio la sua pena, aiuta come può, lascia fare, interviene solo se le è permesso, ci prova con più delicatezza.
Due modi di reagire alla paura di perderli.
La solita vecchiaia.

2 Comments I soliti nonni

  1. AvatarMathilda Stillday

    Idea! Per natale potreste regalare ai soliti nonni una ‘signora per le pulizie’ che due ore a settimana (quindi spesa contenuta ma ognuno fa i conti a casa propria) vada a dare una mano ai soliti testoni. Un regalo non si rifiuta e quando si accorgerà dell’aiuto sarà contenta. Perchè non provare? ;oD

Comments are closed.