I prossimi 45 anni

Domani la solita Simonetta inizia i suoi prossimi 45 anni di vita e, questa volta ha intenzione di non perdere tempo come nei 45 precedenti.

Ieri pomeriggio, al mare, mentre con la bocca aperta e i brividi dall’emozione (nonostante il caldo torrido di una comunissima domenica di estate) osservava l’Air Show delle Frecce tricolore si sono detta: – Accipicchia! Sono una donna fortunata.

A parte il regalo inaspettato dello spettacolo dell’aeronautica militare proprio davanti al suo naso, ha fatto un piccolo bilancio filosofico di tutto quello che la vita le ha donato finora.

  1. Ha tre bambini meravigliosi (qualche volta si chiede come sia riuscita ad averli esattamente così come sono).
  2. Un compagno di vita con il quale condividere le loro passioni (tra le quali rientrano anche crescere i loro bambini).
  3. Continua a fare un lavoro nel quale crede. La lettura è un “bene comune” e prezioso di cui nessuno dovrebbe mai fare a meno da zero a cento cinquant’anni, perché fa bene allo spirito e fa bene alla mente.
  4. Vive in una città di mare, Pesaro, che l’ ha “adottata” tanti anni fa, della quale si è innamorata e dove la solita famiglia può vivere con serenità.
  5. Nonostante le solite allergie, la solita Simonetta è una donna sana ed essere in salute è una fortuna di cui essere sempre riconoscenti, senza sembrare banali.

Per i prossimi 45 anni la solita donna ha grandissime ambizioni.

  1. Vedere crescere i soliti figli, e perché no, anche qualche nipote. Se con i suoi bambini è e rimane una sorta di generale in gonnella, ha promesso loro che vizierò senza sosta i soliti nipoti.
  2. Continuare a condividere con l’insolito marito le passioni slow che piacciono loro da sempre (cucina, lettura, scrittura, passeggiate sul lungomare).
  3. Vedere riconosciuta l’importanza delle biblioteche e della lettura, come patrimonio di tutti, da parte di ogni cittadino, amministratore o elettore che sia in questo paese.
  4. Continuare a volersi bene, regalandosi le solite belle camminate al mare all’alba, iniziando le giornate facendo un mix di yoga-pilates quotidiano, e intensificando la pratica della meditazione che sta scoprendo solo nell’ultimo anno.
  5. Credere un po’ di più nella sua creatività, perché nonostante il rigore perfezionista con cui la solita Simonetta ha attraversato i suoi primi 45 anni anni, le piacerebbe sbarazzarsi di quella corazza e lasciarsi andare con serenità (e longevità) nei prossimi 45.

2 COMMENTS

Comments are closed.