Insolite paure

– Oggi la maestra A. mi ha fatto assaggiare la banana.

– Brava Pallottolina, sono orgogliosa di te. E ti è piaciuta?

– No, ma la maestra A. ha detto che c’ha il potassio che fa bene.

– Infatti e sei stata molto coraggiosa a provarlo.

– Poi la maestra A. ha detto che se uno non mangia potassio non riesce più a camminare. Una sua amica è finita all’ospedale perché non camminava più.

Gli occhi azzurri come il mare di Pallottolina, la cinquenne terzogenita, si sono rimpiti di lacrime, la sua pelle chiara come solo lo scarso sole dell’inverno  può ingrigire si è arrossata, la bocca sempre pronta al sorriso si è contratta dal dolore e a quel punto si è sciolta in un pianto disperato.

– Perché io non voglio andare all’ospedale.

– Ma amore non dobbiamo andare in ospedale.

– Ma io non mangio la banana e il potassio.

– Ok, ma cammini bene mi pare.

– Mamma io non volevo che inventassero la frutta. Perché esiste?

Pallottolina, come la solita mamma quand’era piccola, ha da sempre qualche problema con i pasti fuori casa (non a caso non vede l’ora di cominciare la scuola primaria dove i soliti genitori non hanno previsto la mensa per lei e per i suoi fratelli), teme l’ospedale senza un apparente motivo (o forse sì, da quando ha visto Bambi o gli X men – ma la solita donna dovrebbe dare ragione all’ingegnere) e si dispera con lacrime e singluti senza precedenti quando si sfiorano entrambi gli argomenti. Citarli nello stesso contesto è stato devastante per la piccola di Pallandia Home e nessuna spiegazione scientifica sarebbe stata in grado di tranquillizzarla

Insoliti piccoli traumi da superare.