LAVA: Troppo tardi

Quante volte avete detto ai vostri bambini E’ troppo tardi?
Non dite bugie. E’ una bella scusa per rimandare, no?
Beh, la solita mamma qualche volta ne ha fatto un buon uso (dal suo punto di vista però) ed è per questo che ha letto all’infinito ai suoi figli, fino quasi ad impararlo a memoria, Troppo tardi* di Giovanna Zoboli, edito da Topipittori. Dire che è un libro bellissimo non basta a rendergli giustizia.

Troppo tardi è un luogo troppo lontano, troppo buio, troppo tutto per Riccardo.
Glielo dice la mamma, glielo ripete il papà, glielo sussurrano i nonni.

Beh, non dite mai a un bambino come Riccardo una cosa del tipo Tu sei troppo piccolo per fare troppo tardi. Perché a quel punto il suo chiodo fisso sarà andare a Troppo tardi.

Anche se la strada è troppo lunga, troppo buia, troppo vuota e ci volesse troppo coraggio. Però.

Un bambino come Riccardo potrebbe avere degli amici troppo grossi, troppo magici o troppo gentili da accompagnarlo.
E così comincia il suo viaggio di notte, in compagnia dei suoi amici, per Troppo tardi.
Il testo di questo libro è davvero unico (la solita Simonetta adora Giovanna Zoboli incondizionatamente, ma in questo albo ha superato sè stessa), ma anche le illustrazioni di Camila Engman non sono da meno.
Fidatevi, questo albo è utilissimo sia per chi fosse completamente a digiuno dell’insolito metodo LAVA e sia per chi è già diventato un genitore LAVA provetto.
Comunque siate, non è mai Troppo tardi* per cominciare a LAVA-re ai vostri bambini!
Buon fine settima!

La solita mamma partecipa al Venerdì del libro di Homemademamma e invita altre mamme a darsi questo bel appuntamento settimanale. Non è mai Troppo tardi* per (cominciare a) parlare di libri.

*Link affiliato Amazon

15 COMMENTS

  1. adoro questo librino..bellissimo pure il post sul metodo LAVA..anche io sono una mamma che LAVA tutti i giorni..sono un po’ fissata..ma vedo che non sono l’unica..;-D

  2. Questo libro mi ispira moltissimo e siccome mi sento anch’io una mamma LAVA. (ho appena letto il tuo post in merito), cercherò di trovarlo. Non so perchè mi piace molto la copertina…non c’entra niente, ma mi fa venire in mente la sensazione che provavo da bambina quando guardavo Mary Poppins… 🙂

    • Questo libro pensato per un pubblico di bambini, in realtà per il suo testo e per le sue illustrazioni “parla” molto anche a noi grandi ;D!
      E il bello di ogni libro è che crea delle suggestioni diverse in ciascuno di noi…
      Da noi, tra l’altro, Mary Poppins è un culto :D!

    • In un libro per bambini credo che siano la cosa più importante dal mio punto di vista. Di illustrazioni sterotipate, banali, “già viste” ce ne sono fin troppe: forse ti sembrerò un po’ troppo eccentrica ed esagerata, ma l’educazione “culturale” di bambini che ancora non sanno leggere passa anche per quelle che spesso sono considerate un particolare in secondo piano.
      Insomma mi ci perdo nelle illustrazioni dei libri per bambini…
      Ciao e buon we!

  3. Sicuramente molto interessante. Purtroppo tutti caschiamo nel “troppo tardi” chi più chi meno… ed è giusto giocare ad armi pari, per cui vedremo di recuperarlo anche perchè le illustrazioni sono davvero molto belle… ciao! 🙂

  4. Bellissima la copertina, anche a vme fa un effetto deja vu molto piacevole.

    Un libro che, mea culpa, non avevo ancora preso in considerazione: mi sembra un po’ troppo presto per i tre anni di Pietro, però mi affido al tuo giudizio. Posso iniziare?

    Un sorriso
    Grazia

    • Giovanna Zoboli è una mia passione, che condiziona anche i miei figli: non so se a tre anni Pietro ne apprezzerà lo spirito, ma come tutta la letteratura per l’infanzia non è fatta per essere “capita”. Visto il periodo vacanziero, provo un’insolita metafora: le storie sono come la crema solare “proteggono” dal sole, filtrano i raggi solari, ma poi l’abbronzatura compare, gli effetti benefici del sole alle ossa (e tutta la storia della vitamina D) ci sono. La mente astratta e la cultura estetica dei nostri bambini assorbono… Mi piace pensare che Giovanna Zoboli e Troppo tardi abbiano lo stesso effetto…
      La solita strana del we ;D!

Comments are closed.